::> Americhe
:::> Lettere
:::::::> PER GLI ARTICOLI ARRETRATI CHIEDI A LA-POLITICA.NET


Aggiornamento sulla situazione in Venezuela

Caracas 8 Agosto 2005

VENEZUELA, ELEZIONI A MOSCA CIECA.

Chi non conosce il famoso e infantile gioco della " Mosca cieca " ? Sicuramente molti, moltissimi, e tutti sanno che il giocatore al quale si bendano gli occhi potrá vincere solo se uno dei partecipanti lo permetterá giá che tutti vedono meno colui che deve, bendato, toccare qualunque altro partecipante. Difficile in realtá cosí come impossibile per la opposizione vincere una elezione in Venezuela.

Per ovviare a tale inconveniente la opposizione o meglio le organizzazioni civili ben diverse dai partiti politici hanno deciso di giocare ad astenersi dalle votazioni e vedi caso immediatamente la simpatia verso il partito del regime rivoluzionario sostenitore dell'ex colonnello Hugo Chavez é sceso da una quota di preferenza del 70 %, cifra indicata da varie inchieste precedenti ad un rachitico risultato elettorale dove solo il 25 % dei possibili votanti ha partecipato. Questo significa in termini numerici che l'egocentrico colonnello bolivariano ha sommato solo il 18 % dei voti giá che un 7 % appartiene a seguaci della maldestra opposizione politica. Questo tragico risultato per il regime totalitario procubano installado dal lider rivoluzionario colpisce duramente le aspettative dello stesso Hugo Chavez il quale durante varie settimane e tutta la giornata di votazione ha speso centinaia di ore in trasmissioni televisive e radiofoniche in propaganda politica e tematica sui benefici di votare per la rivoluzione. Nemmeno il famoso gioco della mosca cieca elettorale é servito.

Il broglio utilizzato con successo durante il referendum revocatorio del 15 di Agosto del 2004 questa volta si é scontrato con la parete della scarsissima assitenza nonostante un intento di ultima ora per risalire la china prolungando il periodo concesso agli elettori per circa due ore tempo nel quale sono entrati ben 450.000 votanti secondo dichiarazioni dello stesso Consiglio Nazionale Elettorale. I risultati sono comunque scadenti per colui che aspettava il trionfo con oltre il 70 % dell'elettorato. Come funzione il gioco della mosca cieca elettorale ? Quando un elettore entra per votare viene diretto ad una macchina che controlla se l'impronta digitale corrrisponde esattamente con i dati anagrafici indicati dal votante. In caso positivo un segnale viene inviato alla centrale controllata dal regime che registra il controllo avvenuto. A tal punto il presidente Chavez conosce immediatamente la situazione di ogni seggio elettorale circa il numero dei votanti cosa della quale non sono a conoscenza i partiti oppositori. Il secondo passo dell'elettore sempre guidato dal personale incaricato dei seggi é quello di recarsi alla macchina automatizzata per votare e esprimere la sua volontá. La machina di votazione produce un contrassegno cartaceo nel quale appare il voto e questo verrá depositato nella apposita urna.

La machina di votazione modello Olivetti é collegata alla centrale in mano del regime il quale automaticamente in tempo reale conosce la tendenza di ogni seggio e di ogni elettore giá che esiste una sequenza esatta in tutto il processo, sequenza alla quale l'elettore non puó sottrarsi. Pertanto il presidente é a conoscenza ogni secondo della votazione seggio per seggio a differenza della opposizione la quale deve ricorrere alle informazioni raccolte alla uscita dei seggi, informazioni frammentarie e incorrette. Cosi come il giocatore bendato della mosca cieca deve ricorrere solo all'udito per localizzare gli altri i quali si muovono costantemente nel massimo silenzio possibile. In tutte le elezioni dall'anno 2000 in avanti che Chavez si vanta avere stravinto si puó identificare un elemento comune, negli ultimi minuti prima della chiusura dei seggi si registra una grandissima affluenza di elettori tutti chiaramente a favore del regime rivoluzionario. Strano peró vero cosí come la trasmissione costante dei dati elettorali in tempo reale dalle macchine di votazione ai centri di controllo in mano al regime.

Questa volta data la altissima astenzione dei votanti il centro di controllo ha deciso prolungare il tempo di votazione per ben due ore permettendo la entrata di circa un 15 % di voti a partire dalle cinque di sera ora in cui normalmente i seggi sono deserti. Una eccellente strategia che avrebbe potuto funzionare se: Nonostante la gigantesca campagna di pubblicitá del governo, nonostante i premi in denaro offerti ai votanti per partecipare, le minacce delle squadre rivoluzionarie per cercare di convincere gli elettori la attitudione dei votanti si sia mantenuta di assoluta passivitá. Complimenti agli osservatori internazionali i quali hanno tranquillamente dichiarato eccellente la gionata elettorale trascorsa nella piú assoluta pace.

Maria Luz FdC


Caracas 3 Dicembre 2004

VENEZUELA DIFRONTE AL GROTTESCO

Ieri 2 Dicembre il procuratore della Repubblica Isaia Rodriguez ha consegnato formalmente la richiesta di nullitá della sentenza emanata dal tribunale supremo il 4 di Agosto dell'anno 2002 dichiarando innocenti i generali che durante la notte del 2 di Aprile 2002 giudicarono opportuno intervenire data la condizione cirtica nella quale si trovava la nazione a causa della rinunzia del presidente della repubblica Hugo Chavez.

Durante la conferenza stampa concessa nel momento della consegna varie volte lo stesso procuratore ha definito tale sentenza come "GROTTESCA" e pertanto i magistrati che a suo tempo la firmarono come interpreti non affidabili della costituzione e delle leggi venezuelane. La parole grottesca é stata senza dubbio meno oscena della definizione che a suo tempo gli riservó lo stesso presidente Chavez qualificandola di escremento umano in un atto pubblico e teletrasmesso.

Una sentenza della suprema corte di giustizia puó essere definita escremento in un momento di rabbia da parte di colui che rappresenta la nazione difronte al mondo? O puó essere classificata come grottesca solo perché contrasta con la immagine intoccabile che la rivoluzione vuol presentare il suo unico lider ? Grottesca solo perché la definisce il procuratore generale della repubblica ex vicepresidente e fervente attivista del partito rivoluzionario ? Grottesca la sentenza, grottesco il tribunale che la ha emessa, grottesca la giustizia, grotteschi tutti i corpi che in essa partecipano, grottesca la intera struttura statale nella quale si é convertita la nazione. Le evidenze sino ad ora sostengono la tesi, infatti grottesca é stata la sentenza di innocenza emessa dai tribunali nel processo dei pistoleri di Ponte LLaguno, quando l'11 di Aprile furono filmati da vari canali di televisione sparando sulla folla che si avvicinava. Cosí grottesca che lo stesso procuratore incaricato del caso Danilo Anderson, procuratore poi assassinato,ne aveva sollecitato l'appello essendo convinto della loro colpevolezza.

Grottesca é stata la condecorazione offerta dalla rivoluzione agli stessi impuati poi assolti. Grottesca é la sentenza che dichiara la innocenza del torturatore e stupratore della giovane Linda Loasia Lopez quando fu arrestato in condizioni di fragranza, riconosciuto e accusato dalla stessa vittima la quale porta tuttora le gravissime cicatrici delle torture ricevute. Grottesca é la investigazione dei presunti paramilitari, poi risultati giovani e imberbi colombiani, assoldati secondo il regima da un complotto ordito per assassinare il capo dello stato e letteralmente spazzare con le armi il governo rivoluzionario dal territorio nazionale.

Una riedizione della famosa baia dei porci cubana. Nulla si é saputo piú al riguardo a parte dei rimpatri di alcuni imputati risultati poi minorenni. Grottesca la investigazione dell'assassinato del procuratore Danilo Anderson incaricato di tutti i processi che scottano e sulle spalle del quale riposava la pace o la guerra della repubblica.

Ucciso per sapere troppo? Un attentato di tipo mafioso per eliminare chi poteva o aveva scoperto veritá che dovevano rimanere occulte?

Grottesca la scia di sangue che segue le indagini e che ha travolto la opinione pubblica la quale vive in stato di incredulitá senza rendersi conto che una nazione non puó funzionare se non esiste la fiducia reciproca fra lo stato, le sue istituzioni e i cittadini. Grottesche la perquisizioni effettuate al filo della legge e in alcune volte al margine della stessa come nel caso del Club Hebraica dove 1600 bambini hanno vissuto momenti di terrore paragonabili solo a lontani e drammatici ricordi dei padri. Grottesca la persecuzione a tutti coloro che come Henry Vivas e Lazaro Forero, ex direttori della polizia metropolitana sono stati obbligati dalla disperazione a rifugiarsi nella ambasciata del El Salvador nella speranza di poter, liberi, dimostrare al mondo la loro innocenza e invece hanno scoperto che é piú importante un barile di greggio o un appoggio politico nella OEA che la vita umana. Grottesca la ansia feroce con la quale la rivoluzione vuole a tutti i costi riscrivere la storia presentado il famoso 11 di Aprile come un colpo di stato quando quella stessa notte attraverso tutte le stazioni radio e televisive il capo di stato maggiore delle forze armate comunicava alla nazione la riununzia irrevocabile del presidente in carica Hugo Chavez.

E triste infine la terribile angustia che perseguita al Colonnello Hugo Chavez il quale stá viaggiando nel mondo intercambiando petrolio per approvazione, petrolio a cambio della verginitá che ha irrimediabilmente perduta quella notte famosa dell' 11 di Aprile. Quanti come El Salvador, Spagna, Repubblica Dominicana cederanno alla tentazione di cambiare il prezioso greggio con un candido manto di comprensione e appoggio.

Peró molto piú triste sará per coloro che essendo i veri padroni del petrolio si vedranno nel gennaio del prossimo anno con una entrata svalutata del 15 % circa giá che il regime ha giá annunziato che il cambio del bolivar, moneta locale, passerá da 1920 Bs. per dollaro americano a 2250. Un manto verginale é definitivamente il vestito piú costoso che possa comperare qualunque governante, caro al punto che neanche il petrolio é sufficente a pagarlo.

Maria Luz FdC


Caracas 30 Settembre 2004

SEGUENDO LE ORME DELLA SVASTICA

Non ci sono dubbi sugli elementi che per somiglianza determinano similitudini storiche uno fra loro quelle che i regimi totalitari compartono attraverso la storia moderna. Oggi o al piú tardi domani il regime rivoluzionario bolivariano o meglio quanto é indicato dalla volontá del suo lider spiccherá attraverso la oramai inginocchiata magistratura mandato di cattura contro i dirigenti di Summate per complotto contro lo stato, reato che comporterebbe una condanna sino a 24 anni di carcere.

¨Sono definitivamente iniziate le grandi purghe staliniste o allo stile nazista. Peró chi é Summate e perché i suoi dirigenti possono incorrere in condanne cosí gravi ? Si tratta in effetti di una ONG che da circa tre anni lavora a fianco dei partiti democratici di opposizione dandogli l'appoggio tecnico e informatico necessario per affrontare eventi elettorali come nel caso del passato referendum presidenziale e delle prossime elezioni amministrative previste per il mese di ottobre. Tanto nella raccolta delle firme necessarie alla chiamata a referendum come nelle accuse di broglio elettorale Summate ha svolto tutta la attivitá di supporto tecnico presentando le possibili prove e preparando il dossier poi inviato alla OEA e alla ONU.

Le relazioni di Summate con il regime rivoluzionario sono sempre state difficili e ancor piú considerando che coloro che rappresentano la ONG sono persone di altissima preparazione tanto statistica come informatica esserndo la maggior parte dei suoi dirigenti laureati in universitá americane e con post grado in altrettante facoltá di gran prestigio. La relazione fra la dirigenza di Summate e il mondo universitario americano ha creato un intercambio di idee e la donazione di piccole somme di denaro da parte del congresso USA, donazioni previste dalle legge per sostenere tutte le organizzazioni destinate al sostenimento dei valori democratici nel mondo.

Al contrario il regime bolivariano ricalca il cammino del nazionalsocialismo tedesco eludendo tutte le possibili comparazioni e per conseguenza eliminado tutti coloro che spiccano nell'orizzonte sia come intelligenza che preparazione. É evidente che tanto Summate come i suoi dirigenti rappresentano un ostacolo verso la massificazione prevista dal regime e ancor piú trattandosi di una ONG con finanziamento esterno che ostacola i piani di sviluppo di Hugo Chavez.

Spegnere l'intelligenza o allinerasi é la teoria assoluta di qualunque regime totalitario e per questo sia Chavez come tutti i suoi gerrarchi stanno brandendo l'ascia di guerra degli indios nativi ricreando una razza o meglio una stirpe che come nel caso delle Valchirie hitleriane servirá a formare la nuova gioventú. Questo entra in evidente collisione con lo spirito preparato e osservatore dei giovani dirigenti venezuelani i quali formati in universitá aperte e critiche della cultura comtemporanea non potranno mai condividere tale visione.

É iniziata infine una nuova e forte purga contro tutti coloro che in una o altra maniera hanno collaborato con la resistenza democratica semplicemente esprimendo una opinione critica verso un regime autoritario. É solo la punta dell'isberg il resto verrá dopo.

Maria Luz FdC


CONTRO CHAVEZ!!!


SULLE MANIFESTAZIONI IN VENEZUELA (FOTO: 1, 2)

Home page / Filosofia / Interno / Esteri / Partiti / Società / Archivio / Advertising

I contenuti, i disegni e le immagini del sito sono regolati dal diritto d'autore.
Tutti i dati forniti dai lettori verranno archiviati in forma cartacea ed informatica.
Tali dati saranno utilizzati esclusivamente per attività di documentazione e comunicazione newsletter.
Il tutto nel rispetto di quanto stabilito dalla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

Postmaster