Su pacs e unioni di fatto

Sulle unioni di fatto abbiamo un precisa idea basata sull'utile e sul necessario e non sull'ideologico e sul religioso.

Siamo contrari alle unioni di fatto per eterosessuali, siamo favorevoli a quelle tra omosessuali.

Questa distinzione ha la sua cifra nella forza del sentimento d'unione che lega due individui.

Alle coppie eterosessuali non è precluso in potenza alcun diritto, se desiderano avere ulteriori diritti come esenzioni fiscali, diritti di successione e quant'altro basta sposarsi in Chiesa o in Comune. Il matrimonio non religioso, infine, non è un patto eterno, ma esiste il divorzio di cui hanno usufruito oltre il 40% delle coppie italiane. Riteniamo, quindi, non necessari i pacs per tali coppie, anzi porterebbero danno all'istituto del matrimonio sui cui si fonda la tradizione di oltre tremila anni.

Cosa diversa per le coppie omosessuali, le quali sono private in potenza di diritti, che il sentimento d'unione produce. Questa privazione è data dal fatto, che, giustamente, le coppie omosessuali non possono sposarsi, in quanto il matrimonio si nutre e si sostanzia nell'amore di generazione di prole. Lo Stato, però, ha il dovere di proteggere e tutelare i sentimenti d'unione come ha il dovere di proteggere e tutelare i diritti dei nascituri e dei bambini.

In tale contesto le unioni omosessuali devono essere legalizzate nella distinzione dal matrimonio. Devono essere dati tutti i diritti di successione, di reversibilità della pensione, di assistenza medica, di agevolazioni fiscali e quant'altro, ma non è possibile che esse accedano a diritti che nascono dallo scopo matrimoniale di generazione ed educazione di prole. Non possono, in sostanza, adottare figli.

Legalizzare significa rendere esplicito e chiarire, portare alla luce eventi e situazioni che esistono. L'Italia per radici culturali ha un difetto intollerabile, quello di nascondere e "fare finta di nulla". La democrazia, invece, necessita di esplicitare ogni cosa difronte alla legge ed a tutti i cittadini.

Le coppie omosessuali esistono e producono diritti a cui bisogna dare risposta. Nella loro esistenza, però, non producono tutti i diritti, perché non sono in grado di generare prole. Legalizzare le unioni di fatto significa colmare un gap democratico, senza, però, crearne un altro, danneggiando il nucleo della società dato dal matrimonio tradizionale e dalla famiglia.

Home page / Filosofia / Interno / Esteri / Partiti / Società / Archivio / Advertising

I contenuti, i disegni e le immagini del sito sono regolati dal diritto d'autore.
Tutti i dati forniti dai lettori verranno archiviati in forma cartacea ed informatica.
Tali dati saranno utilizzati esclusivamente per attivitą di documentazione e comunicazione newsletter.
Il tutto nel rispetto di quanto stabilito dalla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

Postmaster